• Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo
    Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo

    Il nuovo tributo di bonifica

    Maggiori info
  • la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    Maggiori info
  • EMERGENZA PIOGGIA?
    EMERGENZA PIOGGIA?

    I consorzi di bonifica ci sono!

    Maggiori info
  • Agricoltura e bonifica
    Agricoltura e bonifica

    I Consorzi da sempre a fianco degli agricoltori

    Maggiori info
  • la cura dei corsi d'acqua
    la cura dei corsi d'acqua

    un lavoro costante per la sicurezza idraulica

    Maggiori info
  • Amici della natura
    Amici della natura

    i consorzi di bonifica a difesa dell'ambiente

    Maggiori info

Roma, 25 luglio 2017 -  “I cambiamenti climatici sono un fenomeno oggettivo, che si ripete con periodicità sempre più ravvicinata. In questo senso, l’atteggiamento dominante per troppi anni è stato e rischia di continuare ad essere quello di risolvere il problema, dichiarando gli stati di calamità naturale, per quanto oggettivamente doverosi. È un po’ come fare un condono edilizio per combattere l’abusivismo.” 

Ad affermarlo è Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI (Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue), a margine di un convegno, organizzato a Firenze da Coldiretti e ANBI Toscana sul tema della siccità. 

“In questo modo si sposta il problema, ma non lo si risolve – prosegue il Dg di ANBI Bisogna agire, ma anche in questo caso ci si nasconde dietro la mancanza di risorse, quando in realtà il problema è burocratico e culturale, ma non possiamo restarne ostaggio, perché ritardano il Paese. Non possiamo cadere nelle liturgie, che hanno pregiudicato troppo spesso l’agire. Vi è necessità di un cambio di passo radicale sul problema.”

“Se da un lato deve proseguire la innovazione per ottimizzare l’utilizzo della risorsa idrica in agricoltura, così come va migliorata l'efficienza della rete idropotabile, dall’altro bisogna aumentare la capacità di trattenere le acque di pioggia attraverso l’adozione del Piano Nazionale degli Invasi – conclude Gargano - Si tratta di bacini medio-piccoli, la cui realizzazione non può prescindere da una diffusa consapevolezza dell’opinione pubblica sulla loro utilità come riserva idrica, ma anche come vitalizzatore ambientale e bacini di espansione contro le alluvioni. Per ciò devono moltiplicarsi le occasioni di confronto, le infrastrutture sono un contenitore di valori, occupazionali, di sicurezza ambientale, di realizzazione di attività per il tempo libero. I Consorzi le hanno presentate ai territori con il loro valore umano ed oggi sono pronti a realizzarle per l’agricoltura del made in Italy, per le sicurezza ambientali ai cittadini.”

Comunicato di ANBI Nazionale

Credits