• Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo
    Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo

    Il nuovo tributo di bonifica

    Maggiori info
  • la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    Maggiori info
  • EMERGENZA PIOGGIA?
    EMERGENZA PIOGGIA?

    I consorzi di bonifica ci sono!

    Maggiori info
  • Agricoltura e bonifica
    Agricoltura e bonifica

    I Consorzi da sempre a fianco degli agricoltori

    Maggiori info
  • la cura dei corsi d'acqua
    la cura dei corsi d'acqua

    un lavoro costante per la sicurezza idraulica

    Maggiori info
  • Amici della natura
    Amici della natura

    i consorzi di bonifica a difesa dell'ambiente

    Maggiori info

Michele LencioniLucca, 7 febbraio 2018 - Il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord piange la prematura ed improvvisa scomparsa di Michele Lencioni, uno dei suoi storici dipendenti, che con la sua attività ha contribuito attivamente, fin dalla costituzione, allo sviluppo dell’Ente consortile. Capannorese, 62 anni, Lencioni era stato assunto alla fine degli anni novanta, in quello che allora era il Consorzio di Bonifica del Bientina. Da dipendente, ma anche da sindacalista della CGIL, aveva poi seguito da protagonista l’evoluzione dell’Ente, che oggi si occupa della sicurezza idraulica dell’intera Toscana settentrionale. “Michele Lencioni faceva parte della nostra squadra, fin da quando il Consorzio era un piccolo soggetto, con pochissimi dipendenti e attivo solo sul territorio a cavallo tra il Capannorese e il Bientinese – racconta il presidente, Ismaele Ridolfi – Negli anni, durante l’evoluzione legislativa che ci ha portato ad acquisire nuove competenze e a servire un comprensorio notevolmente più vasto, con la sua esperienza è riuscito ad essere sempre un riferimento importante per tutti noi, ed in particolare per i nuovi e giovani colleghi che si sono aggiunti. Oggi perdiamo un uomo generoso: sempre pronto, con una battuta o un consiglio, a dare il suo contributo e ad esprimere la sua opinione. E perdiamo un dipendente disponibile e profondamente legato al suo territorio, un amico. Non ci sono parole per esprimere il nostro dolore: a nome mio personale, dell’Amministrazione consortile e dell’intera struttura consortile, desidero esprimere la vicinanza alla famiglia”.

Credits