• Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo
    Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo

    Il nuovo tributo di bonifica

    Maggiori info
  • la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    Maggiori info
  • EMERGENZA PIOGGIA?
    EMERGENZA PIOGGIA?

    I consorzi di bonifica ci sono!

    Maggiori info
  • Agricoltura e bonifica
    Agricoltura e bonifica

    I Consorzi da sempre a fianco degli agricoltori

    Maggiori info
  • la cura dei corsi d'acqua
    la cura dei corsi d'acqua

    un lavoro costante per la sicurezza idraulica

    Maggiori info
  • Amici della natura
    Amici della natura

    i consorzi di bonifica a difesa dell'ambiente

    Maggiori info

ok.jpg Lucca, 14 maggio 2018 - In una mattinata di festa per le scuole, tornano a vivere i pioppi bianchi alla Fattoria urbana “Riva degli Albogatti”, a Nave, Lucca. Il Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord ha infatti avviato la ripiantumazione degli storici “populus alba”, che da tempi immemori accolgono i visitatori di questa importante struttura del Comune di Lucca, gestita dall’associazione “Percorso in fattoria”. I maestosi alberi erano stati abbattuti alcuni mesi fa, perché pericolanti: l’Ente consortile ha riavviato la piantumazione durante le giornate conclusive del progetto di educazione ambientale, destinate alle scuole medie del territorio, e inserite nella rassegna nazionale “Settimana della bonifica e irrigazione”.

Stamani (lunedì 14 maggio) hanno partecipato le scuole di San Vito, Porcari e Capannori. Assieme a loro, erano presenti il presidente del Consorzio Ismaele Ridolfi, il sindaco di Lucca Alessandro Tambellinie l’assessora comunale di Lucca alla scuola, Ilaria Vietina. Nei prossimi giorni, sempre alla Fattoria Urbana, arriveranno anche le scuole di Montecarlo, Ponte a Moriano, San Martino in Freddana, Borgo a Mozzano, Coreglia, Sant’Anna e San Marco.

“In questa occasione, i ragazzi hanno potuto vivere il Fiume Serchio, condividendo insieme l’esperienza maturata col nostro progetto di educazione ambientale, che si è articolata con lezioni in classe e uscite sul territorio – spiega il presidente del Consorzio, Ismaele Ridolfi- La finalità che ci proponiamo con questo progetto è quella di far conoscere alle nuove generazioni i tanti e diversi territori che vanno a comporre oggi il nostro comprensorio, in modo che essi ci aiutino a proteggerlo. L’educazione è, a nostro avviso, la forma più importante di prevenzione: per questo, siamo convinti che l’educazione ambientale sia, a tutti gli effetti, una delle attività istituzionali del nostro Ente”.

E’ stato proprio il sindaco Alessandro Tambellini, aiutato dal presidente Ridolfi, a provvedere, vanga in mano, a piantare l’albogatto. Il primo cittadino si è poi intrattenuto a lungo con gli studenti, dando vita a una piccola lezione su storia, flora e fauna del Fiume Serchio.

Gli alunni della scuola media di Capannori hanno poi potuto raccontare quanto imparato durante la loro uscita sul fiume Serchio; quelli di San Vito hanno riportato la storia del Pubblico Condotto lucchese, studiata in classe e poi conosciuta sia lungo i fossi della Città, sia all’ex jutificio “Balestrieri” a Ponte a Moriano; i ragazzi di Porcari hanno ricordato come e quando è stata costruita la Botte sotto l’Arno, a San Giovanni alla Vena, che è servita per prosciugare il lago di Bientina.

“In totale, hanno partecipato al progetto quasi mille alunni – ricorda il presidente Ridolfi – Tanti quelli delle scuole di Lucca, Piana e Valle del Serchio; altrettanti quelli di Versilia e provincia di Massa-Carrara”.

Credits