• Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo
    Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo

    Il nuovo tributo di bonifica

    Maggiori info
  • la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    Maggiori info
  • EMERGENZA PIOGGIA?
    EMERGENZA PIOGGIA?

    I consorzi di bonifica ci sono!

    Maggiori info
  • Agricoltura e bonifica
    Agricoltura e bonifica

    I Consorzi da sempre a fianco degli agricoltori

    Maggiori info
  • la cura dei corsi d'acqua
    la cura dei corsi d'acqua

    un lavoro costante per la sicurezza idraulica

    Maggiori info
  • Amici della natura
    Amici della natura

    i consorzi di bonifica a difesa dell'ambiente

    Maggiori info

piante massa2Massa e Carrara, 30 ottobre 2018 - Prima dell'arrivo dell'annunciata una nuova ondata di maltempo, il Consorzio di Bonifica prosegue il lavoro di taglio e rimozione degli alberi caduti nei corsi d'acqua, abbattuti dal forte vento di ieri. Da ieri pomeriggio si lavora ancora sul Canal Magro, dove erano state contate una dozzina di piante ad alto fusto che ostruivano il deflusso del canale. Da una primissima ricognizione non si registrano danni alle arginature dei corsi d'acqua e l'intera rete sembra aver sostenuto senza intoppi il deflusso delle acque di pioggia. Gli alberi caduti però rappresentano una minaccia alla sicurezza idraulica, soprattutto in vista dell'arrivo delle nuove piogge annunciate per il ponte dei Morti e la loro rimozione è quindi una priorità. Rimozione piante anche a Carrara con interventi sul Fosso della Macchia per togliere una grossa palma caduta nel canale che passa nella zona del casello autostradale e sul canale Carlone a Battilana dove il numero delle piante cadute è circa una decina.

Le forti mareggiate e il mare burrascoso, contrastano il deflusso del canale Poveromo (sempre a Marina di Massa) e per questo attorno alla mezzanotte di ieri il Consorzio ha piazzato una pompa mobile da 500 litri al secondo alla foce del canale. Doppio l'obiettivo: con lo sbarramento di sabbia si evita che il mare inondi le zone interne e il centro abitato più a monte e la pompa idrovora spinge l'acqua in mare, facendo defluire il Poveromo e evitando allagamenti dovuti alla pioggia.
L'idrovora mobile resterà montata ancora per qualche giorno, e comunque fino a quando non sarà rientrata l'emergenza maltempo e le mareggiate.

Per emergenze il personale è reperibile al 331/6321.391

Credits