• Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo
    Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo

    Il nuovo tributo di bonifica

    Maggiori info
  • la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    Maggiori info
  • EMERGENZA PIOGGIA?
    EMERGENZA PIOGGIA?

    I consorzi di bonifica ci sono!

    Maggiori info
  • Agricoltura e bonifica
    Agricoltura e bonifica

    I Consorzi da sempre a fianco degli agricoltori

    Maggiori info
  • la cura dei corsi d'acqua
    la cura dei corsi d'acqua

    un lavoro costante per la sicurezza idraulica

    Maggiori info
  • Amici della natura
    Amici della natura

    i consorzi di bonifica a difesa dell'ambiente

    Maggiori info

3Lucca, 2 dicembre 2018 - Una bicicletta, una batteria per auto, un boiler domestico per il riscaldamento dell’acqua, bottiglie di vetro. E tanta, tanta, tanta plastica. 

E’ solo una parte dei centinaia di chili di rifiuti che stamani (domenica 2 dicembre), sono venuti fuori dal Pubblico Condotto, nel Centro storico di Lucca: durante la pulizia partecipata che si è svolta nel tratto di fosso nell’area della Cittadella, nei pressi dell’ex Manifattura Tabacchi, e che il gruppo civico “Guardare Lucca” ha organizzato assieme al Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord. Il gruppo dei cittadini e l’Ente consortile hanno, a proposito, stipulato una specifica convenzione. E sono state moltissime le persone che hanno voluto partecipare a questo momento di cittadinanza attiva: rimboccandosi le maniche, con appositi stivali e vanghe e forche, i cittadini sono scesi nel letto del Pubblico Condotto e hanno raccolto e tirato su un’impressionante quantità di rifiuti. Ad assicurare il loro contributo sono stati anche un nutrito numero di giovanissimi scout, accompagnati dai loro educatori. Anche Sistema ambiente è stato coinvolto nell’iniziativa, e porterà adesso i rifiuti in discarica.

“Erano anni che questo tratto del Pubblico Condotto non veniva ripulito, in modo così accurato, dai rifiuti – spiegano Barbara Rigamonti, Stefano Braccini e Ethan Ricci, referenti del gruppo “Guardare Lucca” – E spesso, purtroppo, i corsi d’acqua sono ricettacolo di rifiuti per l’incuria di alcuni La prima iniziativa del nostro gruppo civico, a cui hanno partecipato volontari di ogni età, ha riguardato proprio il fosso dentro le Mura, in una parte periferica. Vorremmo anche riuscire a creare una rete fra coloro che concretamente desiderino trasformare l’incuria in cura e rispetto verso l’ambiente e i beni comuni, patrimonio di tutti i cittadini”.
“Desidero ringraziare il gruppo civico “Guardare Lucca”, i cittadini e i ragazzi, che hanno fornito un’importante prova di civismo e cura dell’ambiente e dei nostri corsi d’acqua – sottolinea Ismaele Ridolfi, presidente del Consorzio, che ha partecipato alla giornata di pulizia – Mantenere in manutenzione i rii, ed evitare che in essi finiscano rifiuti, è il primo passo per scongiurare la presenza delle plastiche in mare Per questo il nostro Ente, in collaborazione con le associazioni e gli Enti locali, ha lanciato l’iniziativa “La lotta alla plastica in mare comincia dai fiumi. Salviamo le tartarughe marine, salviamo il Mediterraneo”: e la convenzione siglata col gruppo “Guardare Lucca”, e questa manifestazione, rientrano proprio in questo impegno. Specificatamente per il Pubblico Condotto, complessivamente, il Consorzio sta investendo quasi 600mila euro. In programma c’è ancora il completamento della pulizia del fondo del canale: sia in vari punti del fosso nel Centro storico; sia nell’intero tratto a monte, da San Marco fino all’ex Cantoni; nonché il completamento del ripristino di spallette e cancellate. E appena la Soprintendenza avrà espresso il suo parere, il Consorzio apporrà lungo il tratto del Centro storico del Pubblico Condotto, una serie di pannelli illustrativi, realizzati in collaborazione con l’associazione “Custodi della Città”, che spiegheranno con testi ed immagini l’evoluzione storica e sociale dell’arteria idraulica. Un modo concreto, quindi, per rendere il fosso più fruibile e fruito da parte dei cittadini”.

Credits