• Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo
    Più si cura l'acqua, più sicuri tutti. Con il tuo contributo

    Il nuovo tributo di bonifica

    Maggiori info
  • la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    la Toscana dei fiumi e dell'ambiente
    Maggiori info
  • EMERGENZA PIOGGIA?
    EMERGENZA PIOGGIA?

    I consorzi di bonifica ci sono!

    Maggiori info
  • Agricoltura e bonifica
    Agricoltura e bonifica

    I Consorzi da sempre a fianco degli agricoltori

    Maggiori info
  • la cura dei corsi d'acqua
    la cura dei corsi d'acqua

    un lavoro costante per la sicurezza idraulica

    Maggiori info
  • Amici della natura
    Amici della natura

    i consorzi di bonifica a difesa dell'ambiente

    Maggiori info

Insieme il serchio diventa più sicuroLucca, 20 dicembre 2018 - "Insieme, il Serchio diventa più sicuro". E’ questo il motto scelto dal Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord per la giornata di sabato (22 dicembre), dove l’Ente siglerà apposite convenzioni per il presidio e la cura condivisa e partecipata del fiume e del parco fluviale, assieme a numerose associazioni e gruppi del territorio.

L’appuntamento, aperto a tutti i cittadini, è fissato per le 11,30 al Chiosco del Ponte - Terrazza Petroni (Via per Camaiore, S. Marco, 125), e vedrà la presenza del presidente del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord Ismaele Ridolfi, il sindaco di Lucca Alessandro Tambellinie il segretario dell’Autorità di bacino distrettuale dell'Appennino Settentrionale Massimo Lucchesi.

L’iniziativa rientra nel progetto “Retralags rete transfrontaliera delle lagune, dei laghi e degli stagni”: una serie di azioni che permettono di attivare (nei territori di cooperazione) la realizzazione di progetti pilota, che prevedono iniziative di animazione territoriale nei confronti della società civile e delle scuole, volte a sensibilizzare al rispetto ed alla valorizzazione delle aree fluviali-lacuali. 

“Si tratta di un altro piccolo passo importante all’interno di una campagna più grande, ‘Salviamo le tartarughe marine, salviamo il Mediterraneo’, e che abbiamo avviato riprendendo l’appello lanciato dall’Onu -  commenta il presidente del Consorzio di Bonifica Ismaele Ridolfi-. Ogni anno negli Oceani vengono riversati 8 milioni di rifiuti plastici: in questi mari si calcola che oggi ci siano 150milioni di tonnellate di plastica. La lotta alla plastica in mare inizia proprio dai fiumi: e le associazioni e i gruppi organizzati collaboreranno col Consorzio, oltre che per il presidio e la sicurezza idraulica, anche per la prevenzione e la raccolta dei rifiuti che pochi, ma non per questo meno dannosi incivili, abbandonano lungo il parco fluviale”.

Credits